HOME

PRODUTTORI

DOCUMENTAZIONE

ARTICOLI

EVENTI

FRESE PER LEGNO

Frese per Legno è la prima rubrica d’informazione e documentazione sulla lavorazione del legno e i relativi utensili.

Per informazioni scrivere a: info@freseperlegno.it.

Certificazione del serramento

Guida per ottenere, dalle prove di laboratorio, i massimi risultati per la certificazione del serramento in legno

A cura di Salvatore Puccio, responsabile tecnico commerciale per la lavorazione del serramento in legno, legno alluminio e alluminio legno

E.mail: manager.puccio@libero.it

  1. Verificare che gli spessori del legno destinato per il telaio e le ante, corrispondano esattamente a quello richiesto dai disegni degli utensili con i quali eseguirete le varie lavorazioni, avendo cura di tutte le quote in essi riportate.
  2. Procedere con la lista di taglio le lavorazioni di tenonatura, spinatura e quant'altro controllando l'accoppiamento fra tenoni maschi e femmine così pure fra traversi e montanti rispetto al piano di appoggio, fatto questo, procedere alla profilatura.
  3. Incollaggio: cospargere in modo uniforme la colla, di ottima qualità, nei vari tenoni o spine e procedere ad assemblare il telaio e le ante con l'utilizzo di strettoio adeguato, tale da accoppiare traversi e montanti senza subirne lo schiacciamento; possibilmente durante questa fase mettere del sigillante acrilico nell'angolo a 90° che si verrà a creare fra traverso e montante.
  4. Calibratura del telaio e delle ante con grana 80-120.
  5. Squadratura delle ante nella quale operazione è necessario considerare l'aria richiesta secondo la tipologia del serramento (consultare i disegni).
  6. Eseguire le fresature per il montaggio della ferramenta tenendo conto, per una maggiore precisione, dell'asportazione che verrà effettuata nella fase successiva di levigatura.
  7. Levigare il telaio e le ante con grana di finitura 150-180.
  8. Verniciare il telaio e le ante.
  9. Applicare nel traverso inferiore del telaio il gocciolatoio in alluminio con adeguate asole per il drenaggio dell'acqua, possibilmente le asole devono essere da mm 5x35 con interasse non superiore a mm 180, nell'eseguire il taglio fare attenzione che le asole siano equidistanti rispetto ai terminali, inserire la guarnizione nello stesso qualora il profilo da voi utilizzato ne ha la facoltà e completare l'operazione con i terminali siliconando la parte estrema dei terminali che sta a contatto con i montanti del telaio.

    Nel caso utilizziate i gocciolatoi con il nuovo sistema di applicazione mediante clips è consigliabile:
    1. Clips con foro inclinato a 55°. Questo garantisce il perfetto appoggio in battuta della stessa.
    2. Posizionare le clips all'estremità del traverso inferiore mantenendo la distanza di 50 mm circa dai terminali.
    3. Proseguire con il posizionamento delle clips nel traverso inferiore mantenedo la distanza d'interasse di mm 150 ÷ 180 max.
    4. IMPORTANTE: inserire gocciolatoio con apposito inserto originale fornito dalla casa. Questo vi garantisce l'integrità del profilo nella fase di applicazione. Nel caso siate sprovvisti dell'inserto, richiedetelo ed evitate altri sistemi che potrebbero deformare il gocciolatoio.
  10. Inserire le varie guarnizioni che abbiano le seguenti caratteristiche: memoria, espansione e morbidezza in modo che possono lavorare nelle battute di pressione anche là dove si può manifestare un leggero movimento del legno e quant'altro. E' importante avere cura degli angoli. Nel caso il serramento preveda la guarnizione nel telaio, utilizzare, nelle finestre a due ante, le pinne di chiusura da inserire, nell'anta passiva, all'estremità della guarnizione posta al centro.
  11. Installare la ferramenta seguendo le istruzioni che vengono rilasciate dalla casa produttrice.
  12. Installare vetro adeguato, guarnizioni di vetratura (in assenza di quest'ultima), siliconare correttamente il vetro esternamente e internamente e sovrapporre nella parte perimetrale in ogni caso, il fermavetro in legno che avete ricavato durante la lavorazione di profilatura, previo taglio a 45°, fissandolo con le viti.
  13. Verifica generale:
    a) Siliconare i fori e le fresature passanti che sono oggetto di infiltrazione d'acqua e passaggio del vento;
    b) Verificare attraverso le dovute registrazioni effettuate sulla ferramenta che l'anta posta sopra il telaio presenti l'uniformità di schiacciamento sulle guarnizioni (controllare mediante prova con un sottile foglio di carta), ottenendo così il massimo dell'accoppiamento tra telaio e ante.

'Chi ama il legno, lo apprezza, lo lavora, lo trasforma, lo protegge e non lo spreca. Io amo il legno' Salvatore Puccio

Scarica questa pagina in formato PDF.

Scarica questa pagina in formato Microsoft Word (.doc).